“Qualcosa ci inventiamo” di Beppe Pellegrino

Aiuta la ricerca!
A fronte di una donazione liberale di almeno 10 euro + eventuali spese di spedizione se richieste (2 euro con piego di libri sul territorio nazionale), riceverai il libro all’indirizzo da te indicato

Scrivi a info@ricercacontroleucemie.org per effettuare l’ordine del libro

Il libro è stato donato all’associazione per sostenere la ricerca.
Tutte le persone che hanno partecipato alla sua realizzazione hanno offerto pro bono competenze e energie.

Con la tua donazione puoi dare alla ricerca un grande contributo!

“Perciò, adesso voglio ripeterlo a te che stai leggendo queste righe, e che forse hai bisogno di una piccola spinta in più, o forse stai cercando un motivo per non mollare, una ragione per andare avanti. Questo libro è per te. Anche quando ti sembra di non avere una risposta, anche quando senti che stai perdendo la Speranza, anche nel momento più buio e spaventoso della tua vita, Caro Amico, ricordati che ci chiamano pazienti… perché dobbiamo esserlo. Ma se non smetti di combattere e continui a crederci, caro lettore, ricordati sempre che alla fine: “Qualche cosa ci inventiamo!”

“ORA METTITI COMODO, PERCHE’…. SI PARTE BUON VIAGGIO!”

Un grazie speciale a Beppe…..

Beppe Pellegrino, una vita da viaggiatore
Giuseppe Pellegrino nasce a Milano agli inizi degli anni ’60, quando viaggiare era per pochi.
Tutti lo chiamano Beppe e questo nome verrà pronunciato con gli accenti più strani, italiani e stranieri a seconda del luogo.

Beppe, dopo l’adolescenza, si appassiona alla subacquea e la passione per il mare lo porterà lontano, ad esplorare mari che in quegli anni erano ancora incontaminati.

Riesce a fare della sua passione una professione, si trasferisce a 18 anni alle Maldive dove inizia a lavorare come istruttore subacqueo, ma la curiosità, l’intraprendenza e il suo spirito libero lo portano alla scoperta dei 5 continenti prima come istruttore poi ricoprendo ruoli di crescente responsabilità all’interno di prestigiosi Resort in giro per il mondo.

Dopo 20 anni alla scoperta del mare e del mondo, torna a Milano come Direttore generale di un importante tour operator, diventando un punto di riferimento nel settore turistico italiano.

Orgoglioso padre di 2 figli, Filippo e Virginia, che condividono con lui la passione per i viaggi.